Sulle licenze, ovvero siamo tutti eroi con il cuore degli altri

Non scrivo sul blog da un’era geologica (e sono anche stato rimproverato per questo).

Certo che forse potevo continuare il mio silenzio, se i post sono di questo tenore (mi farò perdonare a breve).

Ma, da un po’ di tempo, avverto un fastidio crescente: in giro, su vari blog, in conferenze (anche nel mio ambito, quello delle biblioteche e degli archivi), in incontri etc. c’è un pullulare di amici, fan, simpatizzanti, “esperti”, divulgatori dell’open source…

Bene, costoro, che tanto propugnano la bontà di un approccio open e un valore etico del free software scelgono per i loro blog, le loro slide, i lori appunti, la licenza Creative Commons – Attribution – Non Commercial.

Ora, come ogni amico, fan, simpatizzante, “esperto”, divulgatore dell’open source sa (o dovrebbe sapere), una licenza che non permetta la vendita non è, per definizione OSI, una licenza open…

Certo, mi si può obiettare che il codice sorgente è ben diverso dal contenuto e dal risultato artistico/scientifico, ma su questo io mi chiederei se è diverso nel senso più importante (lol) o diverso perchè non valgono i principi di sviluppo collettivo o i motivi etici di cui sopra…

O forse, più semplicemente, siamo tutti eroi con il cuore degli altri (per fermarsi a una versione politicamente corretta)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s