SBAT: Sistema Bibliotecario di Ateneo Toolbar, un’altra personalizzazione di LibXITA

Attualmente in Italia gli utilizzi di LibX sono sostanzialmente nulli (cfr LibX in Italia), che io sappia l’unica barra che mi sembra in “produzione” è la Bibliobar della Biblioteca dell’Università di Milano Bicocca (oltre alla Sbarra dell’Università di Padova, ma questa non è basata su LibX con i suoi vari strumenti come l’autolink, il collegamento all’OpenUrl Resolver, etc).

Orbitando intorno a Pavia ho creato, “just for me”, una versione per interrogare i cataloghi dell’Università di Pavia.

Non utilizzando un ILS e un OPAC diffuso e conosciuto all’estero, ma utilizzando easycat (easyweb lato OPAC) è stato necessario costruire un catalogo personalizzato (cfr. Libx e i cataloghi personalizzati).

Un ulteriore problema da affrontare è stata l’interrogazione via ISBN: in easycat (o almeno a Pavia) il codice ISBN (10 e 13) è memorizzato in maniera segmentata con gli score “-“.

A mio modo di vedere questa è la peggiore soluzione possibile (una delle classiche scelte per chi ama cercare e non trovare, per citare Roy Tennant, visto che si presuppone che l’utente sappia in quale diabolico modo si sia salvato il codice ISBN).
La soluzione ottimale sarebbe avere i codici ISBN memorizzati privi di spazi o altri segni divisori, in fase di ricerca, poi, si potrebbe lasciare ampia libertà all’utente di utilizzare qualsivoglia punteggiatura per separare i vari segmenti ISBN, tanto si potrebbe facilmente ricondurre il tutto a una stringa solo numerica con un “replace” e opportuni controlli sull’ultima cifra (ci sono migliaia di script in giro a riguardo, anche all’interno di LibX stessa).

Per sopperire a questa scelta implementativa “infausta” ho dovuto modificare il codice di LibX per evitare che siano cancellati i vari score “-“… questo permette di ricercare (ad esempio via autolink) 88-515-2159-X, ma non se il codice ISBN è scritto 885152159X. E questo non è un bene poiché tutti i vari cue messi a disposizione da LibX (es amazon & company) si basano su ISBN non segmentati, per cui non funzioneranno con easyweb.

In aggiunta l’Università di Pavia non dispone di un OpenUrl link resolver (sospendo ogni commento a riguardo), per cui ho definito un catalogo per pubmed permettendo di interrogare direttamente per vari campi (compreso il pub med id). Tuttavia l’autolink e la ricerca via menù contestuale di LibX si attendono per il Pub Med ID un OpenUrl resolver, non un catalogo e quindi non funzionerà. E’ sicuramente possibile modificare il comportamento, ma temo richieda modifiche piuttosto profonde (anche poi noiose da manutenere).

Bisognerà vedere se ci sarà interesse a diffondere o a migliorare questo esperimento, tuttavia, con rammarico, devo constatare che è evidente la disparità di strumenti disponibili rispetto a quelli presenti nell’altra barra di cui mi sono occupato, soprattutto perché questa disparità non credo sia giustificata da minor risorse, anzi (piccolo, perdonabile, “grido” di dolore nei confronti di un ateneo che mi ha dato tanto).

Per chi volesse provare, può scaricare SBAT.xpi e installarla in Firefox da file->apri.
Se però siete interessati solo a LibX o LibXITA e volete testarne le funzionalità, vi consiglio di installare la ben più ricca Bibliobar.

One thought on “SBAT: Sistema Bibliotecario di Ateneo Toolbar, un’altra personalizzazione di LibXITA

  1. Pingback: LibX, finalmente anche per l’Università di Pavia « Cultural Heritage E-Libraries and Archives

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s