OpenLibrary.org – accesso libero e universale ai libri: un gnu manifesto per le biblioteche

Soundtrack per il post: Free Software Song – Richard Stallman

Credo che la definizione “un gnu manifesto per le biblioteche” riassuma tutto il mio pensiero e l’entusiasmo a riguardo: leggendo la presentazione del progetto mi è sembrato di essere catapultato nel 1983 davanti al famoso messaggio di Richard Stallman al newsgroup net.unix-wizards o davanti al gnu manifesto (se mi si perdona il paragone ardito da biblioteconomo eccessivamente entusiasta ;)).

Le considerazioni alla base di OpenLibrary possono essere riassunte in:

  • mancanza di sistemi di cooperazione per biblioteche liberi, aperti e scalabili (con un occhio d’attenzione, quindi, per le biblioteche di piccole dimensioni, scolastiche etc.): i diversi ILS infatti sono pensati maggiormente per la singola biblioteca piuttosto che per la condivisione aperta (è doveroso citare i nuovi ILS interamente web-based come EOSWEB, tuttavia anche in questo caso il target è il singolo, pur inteso come consorzio, rete etc. e non la comunità). Reti come OCLC invece mancano delle caratteristiche di open e free (inteso, in questo caso, sia come parlare libero che birra gratis) e i loro dati sono avviabili solo sotto licenza. Progetti come google book o wikibook appaiono ancora troppo giovani per potersi candidare come sostituti autorevoli;
  • quasi l’84% degli utenti cerca informazioni (anche bibliografiche) su internet con motori di ricerca e l’80% di loro ritiene affidabili le informazioni che trova. Questo è un potenziale rischio sia lato utente (non ottengono le informazioni cercate o, banalmente, non trovano il libro cercato) sia lato biblioteche (che diventano così meno rilevanti nella ricerca delle informazioni poiché non consultabili tramite i canali ormai diffusi). OpenLibrary si propone, dunque, di ridurre questa distanza
  • sommare competenze e soluzioni diverse a partire da:
    • il sito web costruito e mantenuto dall’Internet Archive
    • un catalogo centrale unico costruito a partire dal Catalogo della Library of Congress, dai feeds ONIX degli editori e dai libri scanditi (per la polemica scandire, scansionare, scannare si veda l’Accademia della Crusca) dall’OCA (Open Content Alliance);
    • struttura colaborativa (wiki) con la possibilità dei partecipanti (istituzioni e biblioteche) di modificare e aggiungere informazioni ai singoli libri;
    • una versione multiutente (multibiblioteca) di Scriblio da integrare con OpenLibrary.org: scriblio (ex WPOPAC, in italiano recensito da The Geek Librarian) è un OPAC basato su wordpress ed è stato pensato per singole biblioteche (si veda ad esempio la Lamson Library), tuttavia come wordpress ha una propria versione multiutente (wordpressMU, peraltro alla base proprio di wordpress.com) così la Plymouth State University sta sviluppando una versione multiutente di Scriblio;
    • le digitalizzazioni fin qui effettuate dall’OCA, anche queste da integrare e metter a disposizione su OpenLibrary.org;

Credo di aver tediato fin troppo e occupato anche eccessivo spazio, il consiglio è di analizzare i primi passi effettuati (su OpenLibrary.org) e il piano di sviluppo previsto sui due anni direttamente dall’articolo originale (disponibile anche in versione PDF).

2 thoughts on “OpenLibrary.org – accesso libero e universale ai libri: un gnu manifesto per le biblioteche

  1. Pingback: Openlibrary: primi passi « Cultural Heritage E-Libraries and Archives

  2. Pingback: Scriblio disponibile al download « Cultural Heritage E-Libraries and Archives

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s