La modellazione in Topic Maps

Nel recentissimo (16-17 ottobre) convegno di Lipsia Topic Maps Research and Applications 2008, ho notato con molto interesse la presentazione di GTMalpha.

GTMalpha può essere letto come una guida, un manuale (e, personalmente, spero in un futuro software) per una notazione grafica per modellare ontologie in Topic Maps.

L’interesse a riguardo è dettato anche dall’avvicinarsi della conclusione del mio dottorato quando dovrò produrre una mole (spero) notevole, ma quanto più possibile chiara e non destinata esclusivamente a “iniziati”, di documentazione del lavoro svolto in quest’anno.

Prima di vedere alcuni esempi è necessario citare alcuni riferimenti:

  • Describing a Topic Map Design Pattern in UML. Una vecchia, ma sempre valida, guida su come modellare in UML a cura di Kal Ahmed
  • i requisiti funzionali stilati per l’eventuale futuro standard GTM (Graphical Topic Maps Notation) che diventerebbe ISO 13250-7
  • la prima proposta del comitato ISO, a cura di Lars Marius Garshol, prima proposta per il livello 1 di GTM, ovvero rivolto alla modellazione di ontologie (come lo stesso Garshol fa notare, GTMalpha è piuttosto orientato a un livello 0, ovvero alla presentazione di istanze ed esempi, mancando in particolare la possibilità di indicare cardinalità etc)

Personalmente ho apprezzato la semplicità (unita però alla completezza) di GTMalpha, non basato su alcun linguaggio di modellazione precedente (di solito si è usato UML o alcune notazioni di UML).

Un semplice esempio legato al lavoro di dottorato, in particolare a come rendere la regola 5.2.1 delle ISAAR “Date di esistenze” in una Topic Maps:

Nello schema si indica che un topic (l’ellisse) di tipo (la freccia) Period è associato (il connettore senza frecce) con un topic di tipo agente con association type (ancora una volta la freccia) “5.2.1 Dates of existence” che ha come subject identifier (il connettore con due cerchi) http://gilgamesh.unipv.it/psi/isaar/#isaar521.

Il topic di type period può avere a sua volta due associazioni “Begin Date” “End Date” con un topic di tipo “Date”.

La concretizzazione in un esempio reale (tratto dalle ISAAR) è la seguente:

Si noti il psi della data tratto dai psi definiti da Semagia.

In realtà va specificato che scrivere i nomi del topic all’interno dell’ellisse che li rappresenta è una forma abbreviata: GTMalpha permette di disegnare l’intera struttura del topic name

Nell’ultimo esempio si specifica come il topic precedente “Peace Corps” ha, in realtà diversi topic name (collegati dal connettore con i quadrati), con differenti topic name type (ancora una volta la freccia), limitati da una nota di ambito (scope note) attraverso il connettore barrato.

Come si può notare il beneficio maggiore è proprio nella schematizzazione dell’esempio concreto.

Per produrre gli esempi ho utilizzato DIA, ma credo che qualunque programma di grafica o di diagram designer sia sufficiente

Per ulteriori approfondimenti rimando al relativo paper.

About these ads

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s